Scorrendo le litanie di san Giuseppe, ce n’è una che pare racchiudere l’essenza del suo compito: “solerte difensore di Cristo”. Il nostro santo è chiamato dal Padre eterno ad accogliere come suo il Figlio divino e a crescerlo come padre terreno, ma in particolare è chiamato a difendere Cristo che viene nel mondo. Proteggerlo e custodirlo, appare come il suo compito precipuo, specialmente quando Gesù è piccolo, nella fase dell’infanzia e dell’adolescenza. Tutto comincia già col suo sposalizio con Maria, quando Giuseppe è giovane e accetta il piano celeste, coprendo e difendendo la madre, anche andando contro la legge, conservando il mistero del messia nascituro. Pensiamo al momento del Natale, quando si reca a Betlemme e si dedica a proteggere la nascita del Salvatore, nonostante debba adattarsi in una mangiatoia. Pensiamo quando lo fa circoncidere e gli dà il nome: “Gesù, figlio di Giuseppe”, come tutti lo chiameranno d’ora in poi. Porta il Bambino al tempio dopo 40 giorni per riscattarlo e il profeta Simeone riconosce il Bimbo “luce delle genti e gloria del suo popolo”, ma Giuseppe non lo svela. Custodisce dunque nel segreto l’Incarnazione, “il mistero nascosto nei secoli eterni”. Medita il presagio della “spada che trafiggerà l’anima”, accoglie quanto dicono prima i pastori e poi i magi, difendendo chi gli è stato affidato.

                San Giuseppe si rivela fedele difensore di Cristo soprattutto nel frangente della persecuzione del re Erode, nell’ora della “strage degli innocenti”, negli anni della fuga in Egitto. In una notte drammatica, sente l’avvertimento dell’angelo, che gli chiede di proteggere il bimbo e la madre, fuggendo lontano, in terra straniera. Non c’è tempo da perdere, deve alzarsi subito e scappare in fretta. Davvero “solerte difensore di Cristo”, Giuseppe parte immediatamente, proteggendo Gesù e Maria. L’ansia lo afferra e gli batte il cuore, non può mettere a repentaglio, nel rischio e nel pericolo, quanto ha di più caro. Profugo ed emigrante, si mette alla ricerca di un lavoro, probabilmente precario e sottopagato. Non è semplice farsi accettare ed integrarsi, sfuggire agli inganni e ai soprusi dei potenti e dei prepotenti. Quante ingiustizie deve sopportare e quanta fatica gli è richiesta. Però non demorde dalla sua fede e dal suo compito di proteggere il bambino e la madre, finché un segno dal Cielo gli indica la via del ritorno.

                A Nazaret la santa Famiglia riprende la vita con la quotidianità della crescita di Gesù, del rapporto tra i genitori, del lavoro di carpentiere e falegname da portare avanti, dell’inserimento nella comunità civile e religiosa. Decenni di un cammino in cui ciascuno fa la propria parte. Giuseppe fa la sua: naturalmente quella di custodire e difendere… Quando Gesù compie 12 anni, nel pellegrinaggio a Gerusalemme, i genitori perdono il figlio. L’angoscia li assale e pensano che non hanno saputo proteggerlo! Quando lo ritrovano intuiscono che il Figlio si avvia alla sua missione. Allora sarà Cristo stesso la loro difesa e quella del mondo intero. Quando pensiamo a san Giuseppe dunque ricordiamoci che il suo compito è stato quello di difensore, e se abbiamo bisogno di difesa davanti ai mali e ai rischi della vita, invochiamolo come nostro Protettore sicuro. Tutta la sua vita, e in particolare l’esilio in Egitto, ce lo insegna a dovere.   

Visualizzazioni: 22

Commento

Devi essere membro di St. Joseph per aggiungere commenti!

Partecipa a St. Joseph

Commento da Alberto Raggi su 10 Aprile 2018 a 11:02

La ringrazio padre Angelo di averci aiutato a considerare San Giuseppe come il nostro difensore. Trovo le meditazioni sulle litanie molto utili. La persecuzione subita da San Giuseppe è scuola di vita per le nostre famiglie. Mi rendo conto che non è semplice affrontare le difficoltà di ogni giorno, ma San Giuseppe può ottenerci la sua fortezza d'animo e il suo coraggio.

Info su

Post sul blog

Alla scuola di San Giuseppe

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 27 Settembre 2018 alle 7:30 3 Commenti

Oggi sposi

Post aggiunto da Diega Roberti il 20 Agosto 2018 alle 19:04 0 Commenti

Ministro della salvezza

Post aggiunto da angelo catapano il 2 Agosto 2018 alle 11:21 0 Commenti

S. Giuseppe, grandezza che incanta

Post aggiunto da Alberto Raggi il 5 Luglio 2018 alle 9:30 1 Commento

AIUTO DEI MIGRANTI

Post aggiunto da angelo catapano il 1 Luglio 2018 alle 17:45 1 Commento

Giuseppe stella splendente di luce

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 29 Giugno 2018 alle 17:00 2 Commenti

PROTETTORE DELLE FAMIGLIE

Post aggiunto da angelo catapano il 2 Giugno 2018 alle 20:02 0 Commenti

Padre "normale"

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 9 Maggio 2018 alle 14:30 2 Commenti

Custoditi da San Giuseppe

Post aggiunto da St. Joseph il 4 Maggio 2018 alle 9:18 1 Commento

San Giuseppe, tenero Padre di Gesù

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 31 Marzo 2018 alle 21:00 2 Commenti

Il nostro protettore

Post aggiunto da St. Joseph il 29 Marzo 2018 alle 11:54 2 Commenti

© 2018   Creato da St. Joseph.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Politica sulla privacy  |  Termini del servizio