Dalla fine dell’Ottocento è cresciuta nella Chiesa la coscienza di aver trovato in san Giuseppe un Patrono e un modello dei lavoratori, tanto che il papa Pio XII nel 1955 istituisce una festa a parte, quella del primo maggio, in cui si fa memoria di san Giuseppe lavoratore. Si “cristianizza” quindi una festa laica già esistente indicando in questo nostro santo un’icona pregna di significato a cui guardare. La disoccupazione crescente, specialmente giovanile, in tante parti del mondo, anche nelle zone più ricche, e la crisi economica attuale, evidentemente più grave del previsto (dato che non se ne esce), non fanno che acuire la preoccupazione per il lavoro e per il futuro. Quanto abbiamo bisogno di un Patrono, che conosca il mondo di chi lavora, che ci faccia affrontare le sfide della crisi della stagnazione e dell’improduttività, è fuori discussione. Quanto abbiamo bisogno di un Modello che ci aiuti davanti ai meccanismi perversi della finanza, alla corruzione dilagante, ai “furbetti” di turno, e ci sappia riproporre onestà e operosità, coniugando giustizia e misericordia, è sotto gli occhi di tutti. Se poi questo Patrono e questo Modello, è così vicino a Cristo, come san Giuseppe che insegna al figlio (e che figlio!) un mestiere che lo porta ad affrontare la vita e lo scopo della sua missione di salvezza, con generosità e dedizione insuperabile, davvero non c’è da cercare altrove quello che in lui e nella sua bottega si trova a sufficienza.
Certo che la professione di falegname e carpentiere, che Giuseppe ha trasmesso a Gesù mentre cresceva, che ha condiviso per trent’anni, tanto da identificarli (sia il padre che il figlio) nel loro mestiere, rimane un’immagine esemplare a cui riferirsi per sempre, nelle generazioni che si susseguono. Conserva tutto il suo valore ispiratore per il singolo lavoratore e per ogni settore produttivo, dall’agricoltura e dall’artigianato al commercio e all’industria, comprese le tecnologie e le professioni più innovative. A lui si può rifare il contadino e l’ambulante, il commerciante e l’industriale, l’operaio e l’imprenditore, l’impiegato e il manovale. Anche l’insegnante e l’educatore possono scoprire in lui l’arte pedagogica, considerato che il suo lavoro principale è stato educare e far crescere Gesù. Quel Figlio, prendendo poi la sua strada, è andato oltre l’essere artigiano e falegname, ed è diventato piuttosto “pescatore di uomini”, un Maestro impareggiabile, il divin lavoratore su questa terra.
C’è qualcosa di misterioso in questo lavoro che padre e figlio hanno esercitato e li ha uniti profondamente. Qualunque cosa facevano, Giuseppe e Gesù lavoravano certo per guadagnarsi il pane col sudore della fronte, per mantenere se stessi e la propria famiglia, ma soprattutto lavoravano per il Padre celeste e per continuare l’opera del Creatore. Lavoravano per aiutare il prossimo più debole e povero, che a loro ricorreva sapendo di trovare sostegno. Erano giusti, davano a ciascuno il dovuto e remuneravano se possibile anche più di quanto pattuito. Non sfruttavano gli altri e non imbrogliavano nessuno, condonavano anche i debiti se necessario. Prevaleva in loro l’amore e la misericordia. Aspettavano con pazienza i risultati delle loro fatiche a tempo debito e avevano fiducia nella provvidenza di Dio. Potremmo dire che tanta parte del Vangelo che verrà proclamato dal Salvatore, nasce molto prima alla scuola di Giuseppe, che molte parabole trovano la loro intuizione nella bottega di quell’umile lavoratore di Nazaret… Mettiamoci anche noi ad imparare quello che ci insegnano il Signore e san Giuseppe, quel Protettore suo e nostro, del suo lavoro e del nostro.
 
Angelo Catapano

Visualizzazioni: 31

Commento

Devi essere membro di St. Joseph per aggiungere commenti!

Partecipa a St. Joseph

Commento da Alberto Raggi su 28 Aprile 2018 a 14:48

Mi auguro che San Giuseppe ottenga dal suo figlio divino il lavoro a chi lo ha perduto.

Info su

Post sul blog

AMICO FRATELLO E PADRE

Post aggiunto da angelo catapano il 19 Giugno 2019 alle 18:33 0 Commenti

1 Maggio San Giuseppe lavoratore

Post aggiunto da St. Joseph il 30 Aprile 2019 alle 22:08 0 Commenti

Splendore del cielo

Post aggiunto da St. Joseph il 22 Aprile 2019 alle 18:00 0 Commenti

La grandezza di san Giuseppe.

Post aggiunto da Fabrizio Medici il 11 Aprile 2019 alle 21:06 1 Commento

Per la festa del Santo

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 19 Marzo 2019 alle 12:30 1 Commento

CRESCE GESU’ IN NOI

Post aggiunto da angelo catapano il 18 Marzo 2019 alle 18:55 0 Commenti

Le visioni della Sacra Famiglia

Post aggiunto da St. Joseph il 31 dicembre 2018 alle 12:00 1 Commento

Preghiera

Post aggiunto da Fabrizio Medici il 22 dicembre 2018 alle 20:32 0 Commenti

Alla scuola di San Giuseppe

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 27 Settembre 2018 alle 7:30 3 Commenti

© 2019   Creato da St. Joseph.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Politica sulla privacy  |  Termini del servizio