LITANIE DI SAN GIUSEPPE

                Raccogliamo questo titolo di san Giuseppe dall’esortazione apostolica “Redemptoris Custos” di san Giovanni Paolo II. E’ il documento più recente e autorevole del magistero pontificio sul nostro santo. In una nuova formulazione delle litanie, appare significativo rivolgersi a lui come “ministro della salvezza”, cioè colui di cui Dio si è servito per compiere il suo disegno salvifico. Il libro della Genesi, il primo della Bibbia, ci riporta quelle parole con le quali ci si rivolgeva all’antico Giuseppe preposto in Egitto a salvare il suo popolo dalla carestia: “la nostra salvezza è nelle tue mani!”. Quelle parole sono state poi applicate a san Giuseppe, rendendosi conto del ruolo privilegiato che ha esercitato per l’opera della salvezza all’inizio della nuova alleanza. 

                Tale invocazione indica l’atto di consacrazione e di affidamento a Dio, per le mani e l’intercessione del Patrono. Quante “carestie” e pericoli ci sono tuttora, quante suppliche gli vengono innalzate, quante necessità gli vengono presentate, quante preghiere per i bisogni di ciascuno, dei tribolati e dei malati, delle famiglie e del lavoro, della gioventù e dei poveri, della Chiesa e del mondo intero! Con fiducia il devoto accoglie l’invito biblico “Andate da Giuseppe”, consapevole di aver trovato in lui il Padre e il Custode che Gesù stesso ha avuto su questa terra e che ora difende dal cielo, insieme al Figlio divino e alla Sposa diletta. A lui dunque conviene raccomandare ogni cosa, a cominciare dalla salute fisica e spirituale, per portare a compimento l’opera di salvezza, diventando segno e strumento di Cristo, del suo vangelo oggi. E’ significativo che papa Francesco di recente abbia trasferito la competenza sui santuari al dicastero della “nuova evangelizzazione”.

                Essere “ministro della salvezza” per san Giuseppe ha significato dedizione a tutta prova al progetto di Dio su di lui, cambiamento radicale per essere a totale disposizione di Gesù e di Maria, servizio diuturno e generoso al piano salvifico. Per vie soprannaturali imperscrutabili e umanamente impensate, risponde col suo sì e collabora addirittura col Creatore per la realizzazione dell’Incarnazione e della Redenzione. San Giuseppe è il “servo fedele” per eccellenza, che svolge il suo compito umilmente e diventa prezioso nel servire il Signore. Il Salvatore nasce nel mondo e il vangelo si impianta sulla terra grazie anche e innanzitutto a Maria e Giuseppe. Non è certo poco, occorre essere a loro riconoscenti, invocarne l’aiuto e imparare dall’esempio di vita che quella coppia di Nazaret rilancia in ogni epoca e luogo.

Visualizzazioni: 28

Commento

Devi essere membro di St. Joseph per aggiungere commenti!

Partecipa a St. Joseph

Info su

Post sul blog

Alla scuola di San Giuseppe

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 27 Settembre 2018 alle 7:30 3 Commenti

Oggi sposi

Post aggiunto da Diega Roberti il 20 Agosto 2018 alle 19:04 0 Commenti

Ministro della salvezza

Post aggiunto da angelo catapano il 2 Agosto 2018 alle 11:21 0 Commenti

S. Giuseppe, grandezza che incanta

Post aggiunto da Alberto Raggi il 5 Luglio 2018 alle 9:30 1 Commento

AIUTO DEI MIGRANTI

Post aggiunto da angelo catapano il 1 Luglio 2018 alle 17:45 1 Commento

Giuseppe stella splendente di luce

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 29 Giugno 2018 alle 17:00 2 Commenti

PROTETTORE DELLE FAMIGLIE

Post aggiunto da angelo catapano il 2 Giugno 2018 alle 20:02 0 Commenti

Padre "normale"

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 9 Maggio 2018 alle 14:30 2 Commenti

Custoditi da San Giuseppe

Post aggiunto da St. Joseph il 4 Maggio 2018 alle 9:18 1 Commento

San Giuseppe, tenero Padre di Gesù

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 31 Marzo 2018 alle 21:00 2 Commenti

Il nostro protettore

Post aggiunto da St. Joseph il 29 Marzo 2018 alle 11:54 2 Commenti

© 2018   Creato da St. Joseph.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Politica sulla privacy  |  Termini del servizio