Come ha scritto Leone XIII nella sua enciclica su San Giuseppe, Quamquam pluries:  "I padri di famiglie trovano in San Giuseppe la migliore personificazione della sollecitudine e della vigilanza paterna". Lo ha confermato anche San Giovanni Paolo II, che in una meditazione su San Giuseppe, ha osservato che S. Giuseppe è "Una perfetta incarnazione della paternità nella famiglia umana e allo stesso tempo santa".


La paternità è un rapporto che è molto più che la paternità biologica. Si comprende meglio quando riconosciamo San Giuseppe padre di Gesù, anche se non era suo padre biologico. San Giuseppe "Non è il padre biologico di Gesù, il cui Padre è Dio solo, eppure egli vive la sua paternità completamente". (Benedetto XVI).


Un padre agisce in modo giusto.


La giustizia è una delle quattro virtù cardinali che ogni padre deve nutrire e praticare. Un padre tratta coloro con cui entra in contatto, in particolare coloro che sono membri della sua famiglia con giustizia. San Giuseppe, dicono le Scritture, era un "uomo giusto" (Matteo 1, 9) e cercò così un modo per gestire la giustizia con la maternità "sorprendente" di Maria.


Un padre è casto.   


Chiamiamo San Giuseppe "Il coniuge più casto" per una ragione, ha vissuto una castità eroica. Tuttavia, tutti gli uomini sono chiamati a vivere casti. La castità nel matrimonio significa soprattutto la fedeltà coniugale alla moglie. Più ampiamente, tuttavia, significa anche rigorosa conformità con l'insegnamento della Chiesa sulla sessualità umana, incluso il rifiuto dei moderni mezzi di sesso innaturale, la contraccezione artificiale e la pornografia, in quanto distruttivi del rapporto coniugale e della famiglia e sono intrinsecamente anti-vita e così insopportabile a un uomo virtuoso. Questa purezza è spirituale, poiché solo il cuore puro potrà vedere Dio (Matteo 5, 8).


Un padre mostra forza.


La forza esibita da un padre non è necessariamente la forza fisica, ma la forza morale e spirituale, cioè la forza interiore, il vigore e la forza morale del carattere umano, necessari per respingere il male. Insomma, un padre ha le virtù della fortezza, la forza per fare il bene nelle avversità e la temperanza per evitare il male quando è tentato.


Un padre è fedele a Dio e alla sua famiglia.


Giuseppe rimase fedele a Dio e scrupolosamente rispettò tutti i suoi obblighi religiosi e familiari. Come diceva il papa Giovanni Paolo II: "Nel corso di quel pellegrinaggio di fede che era la sua vita, Giuseppe ... rimase fedele alla chiamata di Dio fino alla fine". La fedeltà, insieme alla prole e al Sacramento, è uno dei beni del matrimonio, e il padre lo rispetterà con tutta la forza del suo essere. Ha promesso fedeltà fino alla morte insieme a sua moglie.


Un padre è paziente.


Qui, riporto la citazione di Padre Francesco Xavier Lasance tratta dal suo libro sulla pazienza: "La pazienza di San Giuseppe è stata provata da una serie di tribolazioni, e nel mezzo di tutto, Giuseppe era calmo e rassegnato. Aveva compreso che le tribolazioni sono il crogiuolo in cui Dio purifica la virtù di coloro che ama, che la via della croce è l'unica che porta al cielo, che tutti i giusti devono passare per questa Via e che Gesù non visita mai un'anima senza prendere la Sua croce con Lui".


Un padre lavora.   


Quello che Giovanni Paolo II ha detto di San Giuseppe dovrebbe essere detto di tutti i padri: "Lui è un uomo di lavoro". Il lavoro per il padre, è "L'espressione quotidiana dell'amore". Che si tratti di un falegname, come San Giuseppe, o di un finanziatore o di qualsiasi altra cosa, il valore del duro lavoro, del lavoro, del suo ruolo di "Bene umano che trasforma la natura e rende l'uomo in un certo senso più umano, sarà riconosciuto". (Redemptoris Custos, n. 22).

Un padre glorifica nella vita domestica.


Un padre vedrà la vita domestica come la vita della "chiesa domestica", come ha detto meravigliosamente la Lumen Gentium del Vaticano II. Infatti, anche qui, un padre può imitare San Giuseppe, che, come custode della "Casa divina che [ha] governato con l'autorità di un padre, ha contenuto la Chiesa appena nata". (LXIII, Quamquam pluries, n. 3) È proprio questo che rende San Giuseppe patrono della Chiesa universale.

Un padre custodisce la verginità.  


Nella sua enciclica su San Giuseppe, Papa Leone XIII ha descritto San Giuseppe come "il modello e protettore dell'integrità virginale". (LXIII, Quamquam pluries, n. 3) Con il suo esempio, e con la sua custodia, San Giuseppe, il coniuge più casto, custodiva e proteggeva la propria verginità e la verginità di Maria e di Gesù. Attraverso il suo esempio, impariamo che la verginità è un grande bene, non perché il matrimonio o il sesso correttamente ordinato sono malvagi, ma perché è un rinuncia volontaria di un grande bene per un bene ancora maggiore.


Un padre fornisce alla sua famiglia un sostegno spirituale.   


Come San Giuseppe, un padre dovrebbe sviluppare una "Profonda vicinanza spirituale che sorge dall'unione coniugale e dal contatto interpersonale tra uomo e donna", che ha la sua "origine definitiva nello Spirito, nel Datore di Vita". (Redemptoris custos, n. 19). Come San Giuseppe, un padre dovrebbe ascoltare la voce di Dio. Deve sviluppare un senso di silenzio e imparare l'arte della contemplazione. "Nel silenzio degli eventi quotidiani", ha detto recentemente Papa Francesco nella festa di San Giuseppe operaio, "San Giuseppe, insieme a Maria, avevano un centro comune di attenzione: Gesù". San Giuseppe imparò a contemplare Dio, cioè a riconoscere la presenza costante del Signore nella nostra vita, insieme alla capacità di fermarsi e conversare con il Signore per dargli spazio nella preghiera.

Visualizzazioni: 66

Commento

Devi essere membro di St. Joseph per aggiungere commenti!

Partecipa a St. Joseph

Commento da fr Gilbert-Pio Maria su 19 Novembre 2017 a 22:23

l'hai detto bene, grazie!

Commento da Alberto Raggi su 19 Novembre 2017 a 21:08

Caro fr. Gilbert mi fa piacere. Parlate di San Giuseppe ai giovani papà perché è lui il modello che Dio ha dato a tutti coloro che scelgono di sposarsi e avere dei figli.

Commento da fr Gilbert-Pio Maria su 19 Novembre 2017 a 8:33

Caro Alberto, e molto bello il tuo articolo che io vedo riassunto in questa preghiera: 

O custode dei vergini e padre san Giuseppe, alla cui fedele custodia fu affidata l'innocenza medesima Cristo Gesù e la madre dei vergini Maria, Ti prego e ti scongiuro, per questo doppio pegno a te così caro, Gesù e Maria, di preservarmi da ogni immondezza e con la mente incontaminata, il cuore puro e il corpo casto, mi facciate servire
sempre castamente a Gesù e Maria.
Commento da St. Joseph su 8 Novembre 2017 a 14:33
Grazie Alberto.

Info su

Post sul blog

Alla scuola di San Giuseppe

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 27 Settembre 2018 alle 7:30 3 Commenti

Oggi sposi

Post aggiunto da Diega Roberti il 20 Agosto 2018 alle 19:04 0 Commenti

Ministro della salvezza

Post aggiunto da angelo catapano il 2 Agosto 2018 alle 11:21 0 Commenti

S. Giuseppe, grandezza che incanta

Post aggiunto da Alberto Raggi il 5 Luglio 2018 alle 9:30 1 Commento

AIUTO DEI MIGRANTI

Post aggiunto da angelo catapano il 1 Luglio 2018 alle 17:45 1 Commento

Giuseppe stella splendente di luce

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 29 Giugno 2018 alle 17:00 2 Commenti

PROTETTORE DELLE FAMIGLIE

Post aggiunto da angelo catapano il 2 Giugno 2018 alle 20:02 0 Commenti

Padre "normale"

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 9 Maggio 2018 alle 14:30 2 Commenti

Custoditi da San Giuseppe

Post aggiunto da St. Joseph il 4 Maggio 2018 alle 9:18 1 Commento

San Giuseppe, tenero Padre di Gesù

Post aggiunto da Fra Joseph-Pio il 31 Marzo 2018 alle 21:00 2 Commenti

© 2018   Creato da St. Joseph.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Politica sulla privacy  |  Termini del servizio